Di clinica in clinica, di umanità in umanità

Quando il tuo cane non si sa cos’ha ma sta male e nel tempo si aggiungono sempre più sintomi, supportata dal tuo veterinario, inizi a fare indagini diagnostiche.

Si parte da quelle meno complesse, per escludere le più comuni patologie. Ci si orienta in base ai risultati. Di esclusione in esclusione si fanno i passi necessari, spinti dalle ipotesi diagnostiche che si vanno stringendo. A volte è necessario rivolgersi a delle cliniche per ottenere esami specialistici fatti con macchinari avanzati.

IMG_20150225_181705Così Leto per la sua attuale condizione ha dovuto affrontare più viaggi, brevi e lunghi, per andare a fare i vari approfondimenti. Uno non lungo, qui in maremma, ci ha portati ad avere un’ecografia di un’eccezionale nitidezza, che ha consentito di escludere molte tracce e ha contemporaneamente visualizzato qualcosa che non cercavamo affatto ma che può essere enormemente utile per preservare la sua salute futura.

Ma dato che la situazione diagnostica di Leto è parecchio complessa, abbiamo dovuto fare anche un lungo e stressante viaggio per fare una RMN, con visita neurologica. La grossissima clinica prescelta è piuttosto blasonata, molto grande, strapiena di personale; la prima impressione per parte mia è stata di “disumanità”, ma non era umanità che stavamo cercando, cercavamo perfezione ed eccellenza medica.

Molto puntuale, inizia l’appuntamento. Prima tappa sarebbe dovuta essere la visita neurologica. Daremo un nome di fantasia al professionista che ci ha seguiti. Lo chiameremo dottor Panda.

Il dottor Panda sarebbe un nerologo specializzato. E la prestazione si paga di conseguenza, com’è giusto che sia. Dopo una breve introduzione in cui spieghiamo i sintomi (che erano già stati anticipati dalla nostra veterinaria nel primo contatto), ha controllato il riflesso della minaccia, il riflesso pupillare, il riflesso delle zampe, eventuale dolore al collo/schiena. Fine.

Sono cose che fa normalmente qualunque vet. Una visita neurologica dal dott Cavallo (altro nome chiaramente di fantasia), il neurologo di Yui, constava di 40 minuti di esami, percorsi, stimolazioni sensoriali varie (tanto che una volta, appena finita la visita, si scatenò una crisi epilettica). In questo caso invece non sono neppure stati visionati i video che avevamo portato con noi in cui avevamo ripreso alcuni comportamenti anomali del cane.

IMG_20150228_120652

Dopo questi 5 minuti scarsi dedicati al cane, ci si presenta un preventivo. Nel preventivo c’è un esame specifico, quello del liquor, che nel nostro caso non sarebbe necessario.
Il dottor Panda ci dice “Il liquido rachidiano l’ho messo in preventivo ma non dovrebbe servire, se dovessimo avere evidenze che lo rendano necessario lo faremo, per questo ve lo facciamo preapprovare, altrimenti non sarà effettuato né conteggiato”.

Quando ci è stato restituito Leto aveva una piccola rasatura quadrata con dei segnetti di ago (dal vivo ne ho contati sei); alla nostra domanda la risposta è stata che nonostante non ci fossero evidenze che necessitassero del liquor hanno preferito effettuarlo lo stesso.

Leto-tosatoGli esiti della RMN rimangono un po’ controversi rispetto alla sintomatologia di Leto, ma noi siamo seguiti da un’ottima veterinaria e continuiamo a cercare di percorrere ogni strada possibile per trovare una terapia, qualunque cosa che lo salvi.

Solo fa rabbia, a fronte di tanto blasone (e del conseguente costo) trovarsi davanti a un servizio così pessimo, così mal curato, superficiale nei confronti del paziente e di chi è con lui.

E ora? Ora si continua a pensare a Leto, cercando di mettere a posto tutti i pezzi del puzzle. E sperando di incontrare luoghi e menti diverse da questi.

Share Button

About author

MrsBubba

Da vicino nessuno è normale. Neppure io. Editor, community manager, social qualcosa. Soprattutto lettrice. Parole, musica, cibo, tech, gatti e canetti. Gamer before it was cool. Sempre con la valigia, di città in città, di vita in vita, di storia in storia. Sono come sono, cerco di cambiare. Non son più quella di una volta. Scrivo per ricordare, ma poi mi scordo lo stesso.

Related Articles