Nessuno in pericolo, Sandrini

Nessuno-in-pericoloRiprendo le mie letture con qualcosa di leggero, di uno dei miei generi favoriti: un brevissimo racconto di fantascienza. Per di più scritto da qualcuno che conosco via web da diversi anni.

Si tratta di Nessuno in pericolo, di Vlad Sandrini, edito per la collana Imperium curata da Diego Bortolozzo. Il racconto si trova sia in versione ebook che in cartaceo, ed è breve e molto agile.

Cominciamo dai punti forti: l’idea di base è buona, una ucronia ambientata a Milano; una città lievemente distopica e parecchio distante da quella reale. Il tempo è un futuro che potrebbe anche essere un presente alternativo, con personaggi appena accennati in favore di un’azione più diretta.

La scrittura di questo “giallo” sci-fi procede per elisioni, lasciando molto al non detto, anche se di tanto in tanto si concede momenti didascalici per dare qualche tratto fisico su cui disegnare un’idea di personaggio.

Il ritmo del racconto è molto rapido, e verso la conclusione diventa caotico, tanto da creare grossa confusione e rendere di difficile comprensione gli ultimi passaggi.

Qualche piccolo tic nella scrittura porta alla presenza di tecnicismi vuoti, senza alcun obiettivo narrativo, che possono essere percepiti come fastidiosi alla lettura.

C’è del buon materiale, ma decisamente si doveva lavorare un po’ di più alla resa finale del testo, ricordandosi della presenza del lettore.

 

Share Button

About author

MrsBubba

Da vicino nessuno è normale. Neppure io. Editor, community manager, social qualcosa. Soprattutto lettrice. Parole, musica, cibo, tech, gatti e canetti. Gamer before it was cool. Sempre con la valigia, di città in città, di vita in vita, di storia in storia. Sono come sono, cerco di cambiare. Non son più quella di una volta. Scrivo per ricordare, ma poi mi scordo lo stesso.

Related Articles