Linguine agli asparagi

Con gli asparagi c’è molto da poter fare ma – diciamoci la verità – i due piatti che vanno per la maggiore sono la frittata di asparagi e la pasta con i suddetti; sono due grandi classici che ogni tanto vengono realizzati con varianti (aggiunta di gamberetti, o di curry o altre spezie).

In molti utilizzano la panna per legare gli asparagi, mentre qui facciamo con quella che l’Esigente Fidanzata chiama la “besciamella bersagliera”, ovvero una besciamella fatta in corso d’opera che riesce molto bene con funghi, carciofi e per l’appunto asparagi.

Innanzitutto si cuociono gli asparagi, preferibilmente a vapore per preservarne al massimo il sapore. Una volta cotti si tagliano i gambi in cubettini di piccolissime dimensioni e si mettono da parte le cime. Si fanno saltare i gambi triturati in poco olio per un paio di minuti, quindi si spolverano con un cucchiaio abbondante di farina e si aggiunge del latte (un bicchiere e mezzo a temperatura ambiente).

Si continua la cottura mescolando, mentre la salsina si restringe, colorandosi e insaporendosi nel processo; se lo si desidera si può anche usare il frullatore a immersione per omogeneizzare il tutto. Il risultato è una salsa delicata, non pesante e non coprente, che mantiene il sapore dell’ingrediente principale.

Quando la pasta (per noi linguine, ma va bene più o meno tutta) infine è pronta, la si fa saltare un minuto in padella col condimento. Impiattando poi si aggiungono le cime, magari al centro del nido, ed ecco fatto.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Share Button

About author

Related Articles