La prima volta che

La prima volta che ho cucinato per l’Esigente Fidanzata per fortuna ancora avevo i capelli rasati. Anche se ho rischiato la barba.

Ero nervoso, parecchio, ed essendo goffo già per mia natura il nervosismo non ha fatto che peggiorare la situazione. Lei stava preparando qualcosa, ora non ricordo cosa, e a un certo punto si è girata verso di me e mi ha detto “governa il soffritto”.

Il soffritto è una cosa che so fare. È abbastanza facile, quando ci hai preso l’occhio: non bruciate, non crude, appena dorate le cipolle; indorato l’aglio, se in camicia anche qualcosa in più; per le altre verdure ci vuole un po’ più di abitudine ma ce la si fa tranquillamente. Giuro, solitamente è una cosa che so fare.

padella-fuoco-flambe

Si è voltata, lasciandomi un cucchiaio di legno in mano e questo soffritto che sarebbe dovuto diventare sugo di pomodoro poco dopo. Quando si è girata di nuovo c’era una fiammata che arrivava all’altezza dei miei capelli, un po’ di fumo e tanto spavento. E per molti pasti successivi il copione (eccetto le fiamme) è stato analogo: sughi amari, frittate bruciate, pasta cruda o carciofi spappolati…

Ecco, le nostre cene sono iniziate così. Con un disastro.

[Immagine in pubblico dominio su Wikipedia, autore Benjah-bmm27]

Share Button

About author

Related Articles