Insalata d’orzo

insalata-orzo Con le alte temperature siamo tutti meno inclini a cucinare, stare lì a sgobbare ai fornelli o peggio che mai davanti al forno. Quindi il piatto “estivo” in genere è considerato l’insalata di riso.

Qui noi invece preferiamo l’insalata d’orzo, che ha certo una cottura un po’ più lunga, ma tanto per farlo bollire non è necessario starci sopra: si punta una sveglietta e di tanto in tanto si va a controllare e girare. E la cosa migliore (sia per il riso sia per l’orzo) è che ognuno lo può condire come preferisce.

Per noi dopo la cottura e un minimo di raffreddamento dell’orzo( allargandolo bene in una teglia o scolapasta grande), è sempre gradita l’aggiunta di un’emulsione di olio extravergine di oliva e curry, abbondante. Si mescola bene e si lascia riposare un altro po’ per poi unire le verdure preferite: melanzane grigliate, fagiolini, peperoni, olive, magari pezzetti di formaggio o di tofu per i vegan, non c’è limite. E niente a che vedere con i sottaceti, che lasciano un gusto sovente troppo acido: tutta verdura fresca.

Questo è il nostro, virato molto sul giallo: voi cosa mettete nelle vostre insalate di riso, orzo o pasta?

insalata-orzo-coppata

Share Button

About author

Related Articles