Il Disastro dei Tortelli

tortelli-orticaQuesto è un disastro che risale a diversi mesi fa e che avevo cercato di rimuovere. Ma eccolo qui, impietoso, spuntare tra le foto, e quindi non posso tacerne.

Nella fattoria in cui viviamo cresce rigogliosa anche dell’ortica. Ortica “pulita”, in un luogo senza contaminazioni, quindi più che ottima da usare in cucina. Basta raccoglierla con qualche accortezza, coi guanti se non si è troppo pratici, sbollentarla per un istante, e si ottiene un’erba saporita da mangiare, molto migliore degli spinaci per i ripieni, eccellente anche nel pesto.

Una mattina quindi l’abbiamo raccolta perbenino, e ho deciso che sarebbe diventata il ripieno per dei tortelli maremmani. E fin qui nessun problema. Solo che nel fare i tortelli molto è andato storto: lo spessore dell’impasto era talmente alto che in cottura sono diventati mattoni gommosi, praticamente chewing gum.

E il peggio era il ripieno: in qualche modo avevo scordato di aver già messo il sale, quindi la dose nell’impasto era tanto eccessiva da rendere il tutto immangiabile. Ore e ore e ore di lavoro gettate. E dire che l’impasto l’avevo pure assaggiato!

Tanto tempo è passato, e sono migliorato molto, per fortuna… ma il sale – troppo o troppo poco – mi sa che resterà sempre un mio difetto.

Share Button
Tagged with:

About author

Related Articles