Il Cibo dello Chef

Lavorando in un ristorante uno si aspetta di mangiare sempre lì, e in effetti è proprio così che va; me lo immaginavo diversamente però, a essere proprio sinceri….

Quando ho iniziato a lavorare l’idea nella mia testa era che avrei scoperto sempre nuove cose da mangiare, non solo durante il servizio ma anche e soprattutto durante il pranzo  e la cena per l’équipe (per intendersi titolare, chef, io e cameriera).

Pensavo che avremmo mangiato cose preparate dallo chef, e che così avrei potuto capire come le faceva, carpire qualche pratico esempio e trarre spunto per piatti da riprovare a casa, oltre quello che sto imparando dal menu che serviamo. Sbagliavo: non è così.

Già dal “giorno zero” la prima cosa che mi ha detto è stata “bada all’orologio: a mezzogiorno si mangia e cucini te, alle sette si cena e cucini te”. E le prime volte non sapevo proprio cosa fare. Adesso che lo so mi preparo mentalmente prima cosa vorrei cucinare e mangiare, e almeno non debbo improvvisare.

Per carità, io sono lì per imparare a cucinare, mi piace cucinare e tutto quel che vi pare, ma sono l’aiuto chef e non mangio la cucina dello chef, mangio la mia cucina; se mai diventerò chef mangerò i piatti preparati dall’aiuto cuoco… Insomma, per mangiare roba di uno chef mi tocca andare al ristorante da cliente e pagare come tutti gli altri.

Share Button

About author

Related Articles