Cuore morbido al cioccolato

Cuore morbido al cioccolato

“Mi prepari un mollòsciocolà?”. Suonava così, giuro, quando me l’ha detto la prima volta. “Un cosa?” “Un mollòsciocolà!” “Ah, chiaro adesso”. E insomma, alla fine mi ha girato la ricetta del Cavoletto di Bruxelles e mi sono cimentato in questo benedetto Cuore morbido al cioccolato.

Perché di questo si trattava, uno dei dessert ormai più diffusi nella ristorazione; una novità forse 7-8 anni fa, ma ormai lo si trova praticamente in ogni menù. Perché poi la cucina è anche questo: qualcuno sperimenta, altri replicano, perfezionano, e alla fine un buon piatto si diffonde urbi et orbi.

disastratoCerto, la prima volta che l’ho fatto in realtà è venuto così come lo vedete nella foto a fianco. Non molto invitante, vero? Poi l’ho rifatto, rifatto, ridisastrato, rifatto, e infine ci sono riuscito.

Intanto, primo problema, le materie prime: è inutile, non si può barare in cucina. O si scelgono componenti ottimi o il risultato ne risentirà. Quando ho replicato la ricetta ho usato in diverse occasioni diverse marche di cioccolato, tutto con percentuale al 70.

Eppure, benché sulla carta le caratteristiche fossero uguali, le differenze erano ben visibili nel modo in cui il cioccolato si tagliava, si scioglieva e si amalgamava al resto degli ingredienti.

Secondo problema: conosci il tuo forno! Ovvero, “si fa presto a dire 7 minuti a 180°”: la verità è che bisogna osservare l’impasto e stabilire quanto ci mette il proprio forno a renderlo “traslucido”, che è poi il momento esatto per estrarlo e ottenere che l’esterno sia solido e l’interno liquido.

Pochi secondi prima, pochi secondi dopo, e il disastro è garantito. Oddio, se è troppo solido potete sempre spacciarlo per un riuscitissimo muffin, tanto chi se ne accorge? Non dovete mica dire perforza che volevate preparare un moelleux.

Certo, ora c’è da provare la ricetta con il cioccolato Amedei, che mi dicono essere il “più migliore assai” tra tutti i cioccolati possibili.

 

Share Button

About author

Related Articles

2 Comments

  1. michaela 20 maggio 2014 at 9:26

    di prima mattina una cosa così e ho già un chilo in più

  2. miciapallina 13 giugno 2014 at 9:29

    Ok, adesso puoi cimentarti anche con i chocolate crinkles e fare felice l’esigente fidanzata!
    Passo la riceta?

    nasinasi