Plumcake cacao, banana e uvetta

Questa è una ricetta che sporca molto poco (quando cucino solitamente uso un migliaio di dosatori, posate, recipienti), che costa poca fatica ed è veloce da fare. Ottima candidata per i “dolci da colazione”. L’unità di misura è il vasetto, che rende tutto estremamente semplice. Usare lo stesso vasetto dello yogurt porta innumerevoli vantaggi, tra cui il fatto che si usa fino all’ultima goccia di ogni ingrediente.

1 vasetto di yogurt bianco naturale (io lo produco da me, ma va bene qualsiasi yogurt non zuccherato, meglio se aspro)
1 vasetto e 1/2 di zucchero iperintegrale (panela)
3 uova
1 vasetto di Olys (olio di cereali e frutta – in alternativa olio di riso o di semi di girasole)
1 vasetto di cacao amaro
2 vasetti di farina di kamut®
1 bustina di lievito
1 manciata di uvetta
1 banana matura

L’ordine degli ingredienti è quello del composto, quindi prima di tutto bisogna montare bene yogurt e zucchero, poi aggiungere le uova una ad una. Amalgamare con l’olio versato a filo, poi aggiungere il cacao e la farina ben setacciati. Schiacciare la banana con una forchetta (o con le mani) fino a ottenere una pappetta, aggiungerla al composto insieme a una manciata di uvetta. Mescolare il tutto, aggiungere il lievito e mettere nello stampo da plumcake. Infornare a 180° per venti minuti.

Share Button

About author

MrsBubba

Da vicino nessuno è normale. Neppure io. Editor, community manager, social qualcosa. Soprattutto lettrice. Parole, musica, cibo, tech, gatti e canetti. Gamer before it was cool. Sempre con la valigia, di città in città, di vita in vita, di storia in storia. Sono come sono, cerco di cambiare. Non son più quella di una volta. Scrivo per ricordare, ma poi mi scordo lo stesso.

Related Articles

4 Comments

  1. Inulina 30 novembre 2010 at 14:06

    Non uso mai il fruttosio, però potresti provare con lo zucchero di canna al suo posto, correggendo la dose in modo che non venga troppo dolce :)
    Io trovo tutto al Biò, o nei negozi biologici, ma si trova qualcosa anche nei supermercati adesso.
    Ho sperimentato anche una torta alle mele in questi giorni, col malto d’orzo… fra qualche giorno la posto!

    PS: ho visitato il tuo blog ma non sono riuscita a commentare :(

  2. lauretta 30 novembre 2010 at 13:10

    chissà se riuscirò a trovare tutti gli ingredienti…lo zucchero iperintegrale soprattutto…
    domanda stupida…ma il fruttosio va bene lo stesso?

  3. Inulina 1 dicembre 2010 at 8:15

    Lo zucchero non va bene, infatti, però se proprio non trovi il panela e non vuoi usare i malti una tantum non è da scartare. Purché non diventi un’abitudine.
    In generale malto d’orzo e malto di riso comunque risolvono ogni problema, pur alterando di molto il sapore dei dolci :)

  4. lauretta 1 dicembre 2010 at 7:54

    grazie per le preziose informazioni :)
    credevo che lo zucchero non andasse molto bene per gli insulino resistenti..per questo proponevo il fruttosio, ma sono ancora molto ignorante in materia :(
    per il blog…stasera quando vado a casa provo a vedere cosa c’è che non funziona.. anche in quello sono molto ignorante. e purtroppo riesco a seguirlo poco per motivi di lavoro. :(