E per le feste… ragù di soia!

E con questo si apre la carrellata dei cibi per quei poveri vegetariani che, a sentire gli altri, “non mangiano niente, solo verdurine!”, poveri, poveri. Ah, vi piace la mia pentola?

2 carote
2 cipolle grandi
300g di granulare di soia
una manciata di porcini secchi
un abbondante bicchiere di vino rosso
2 bottiglie di salsa di pomodoro
sale grosso

Fate rinvenire il granulare di soia in abbondante acqua insieme ai funghi porcini (servirà a dare un minimo di aroma in più alla soia) per almeno 20 minuti; il miglior risultato si ottiene con acqua tiepida. Passato il tempo strizzate bene il tutto e lasciate in uno scolapasta a maglie strette per far sgocciolare eventuali residui.

Tagliate bene cipolle e carote (confesso: uso il minipimer con l’accessorio che taglia a julienne, zero fatica e ottimi risultati) e fatele rosolare in abbondante olio. Appena sono ben appassite unite il granulare, lasciando che evapori un altro po’ d’acqua e assorba un po’ d’olio.

Versate generosamente il vino sopra il composto e lasciate sfumare. Aggiungete la salsa e lasciate sobbollire per almeno un’ora e mezza. Ed ecco il  vostro ragù!

Share Button

About author

MrsBubba

Da vicino nessuno è normale. Neppure io. Editor, community manager, social qualcosa. Soprattutto lettrice. Parole, musica, cibo, tech, gatti e canetti. Gamer before it was cool. Sempre con la valigia, di città in città, di vita in vita, di storia in storia. Sono come sono, cerco di cambiare. Non son più quella di una volta. Scrivo per ricordare, ma poi mi scordo lo stesso.

Related Articles