Parola di Francesco Lugli

E poi c’era Spinchio (l’opposto di una bella bestia!), il mio Spinchio, praticamente un’aberrazione genetica, incrocio tra un setter e un… be’ non l’ho mai capito… forse un castoro o una lontra, o forse un tostapane.
Gambe corte, tronco allungato, faccia da volpino e pelo da gatto Persiano… il mio Spinchio malgrado somigli più ad una supposta che a un quadrupede, non lo cambierei per niente al mondo; è il mio unico vero amico, di sicuro l’unico fedele. Non fa domande, non mi giudica e qualunque cosa accada, è sempre lì, con il suo legnetto in bocca, pronto a giocare.

Francesco Lugli, Amo il mio lavoro

Share Button

About author

MrsBubba

Da vicino nessuno è normale. Neppure io. Editor, community manager, social qualcosa. Soprattutto lettrice. Parole, musica, cibo, tech, gatti e canetti. Gamer before it was cool. Sempre con la valigia, di città in città, di vita in vita, di storia in storia. Sono come sono, cerco di cambiare. Non son più quella di una volta. Scrivo per ricordare, ma poi mi scordo lo stesso.

Related Articles