Parola di Dimitri

Non c’è niente di peggio, poi, dei libri in prima persona con protagonisti giovani, diciamo tra i quindici e i trent’anni. Di solito sono opera di gente che, non avendo nulla da raccontare, tenta di trasfigurare una vita banale in qualcosa di mitologico. Studentelli universitari diventano poeti bohème, donne che vivono a colpi di reni s’illudono che darla in giro sia tantrismo pret-à-porter. Sono racconti pieni di riflessioni a buon mercato, di filosofia da cioccolatino e, immancabili, considerazioni sulla gioventù che è bella ma difficile e viene una volta sola e non te la restituisce nessuno. Il mondo è pieno di pessimi romanzi, ma quelli in prima persona con protagonisti giovani meritano un posto d’onore nella biblioteca dell’inferno.

Francesco Dimitri, La ragazza dei miei sogni

Share Button

About author

MrsBubba

Da vicino nessuno è normale. Neppure io. Editor, community manager, social qualcosa. Soprattutto lettrice. Parole, musica, cibo, tech, gatti e canetti. Gamer before it was cool. Sempre con la valigia, di città in città, di vita in vita, di storia in storia. Sono come sono, cerco di cambiare. Non son più quella di una volta. Scrivo per ricordare, ma poi mi scordo lo stesso.

Related Articles

11 Comments

  1. Ayame 18 dicembre 2009 at 9:47

    Questo è ciò che rende bravo uno scrittore :)

  2. Ayame 18 dicembre 2009 at 10:47

    Questo è ciò che rende bravo uno scrittore :)

  3. Alessandro Puglisi 18 dicembre 2009 at 11:55

    Sante parole. 😀

  4. Alessandro Puglisi 18 dicembre 2009 at 12:55

    Sante parole. 😀

  5. Izzy 22 dicembre 2009 at 10:03

    Solita gelosia rivolta contro qualche fenomeno adolescenziale di successo, con una punta di polemica sociale. Secondo me, sarebbe meglio evitare. Uno scrittore deve mostrare le proprie capacità con il proprio scritto, non perdere tempo a mettere in evidenza la scarsità delle opere altrui. Anche perché qualsiasi autore è capace di parlare bene del proprio lavoro e spalare cacca su quello degli altri. Non sono le persone più affidabili per dare giudizio.

  6. Izzy 22 dicembre 2009 at 11:03

    Solita gelosia rivolta contro qualche fenomeno adolescenziale di successo, con una punta di polemica sociale. Secondo me, sarebbe meglio evitare. Uno scrittore deve mostrare le proprie capacità con il proprio scritto, non perdere tempo a mettere in evidenza la scarsità delle opere altrui. Anche perché qualsiasi autore è capace di parlare bene del proprio lavoro e spalare cacca su quello degli altri. Non sono le persone più affidabili per dare giudizio.

  7. dolcenaturale 29 luglio 2010 at 20:43

    lo conosco di persona… è incredibilmente pieno di sé da quando era in fasce, presuntuoso, arrogante. Si dà un tono con quelli peggio di lui. Destinato, dunque, ad un grande successo.Un bluff colossale come persona, anche se conosce bene le tecniche di scrittura.
    Aooo SVEGLIATEVI!!!

  8. dolcenaturale 29 luglio 2010 at 22:43

    lo conosco di persona… è incredibilmente pieno di sé da quando era in fasce, presuntuoso, arrogante. Si dà un tono con quelli peggio di lui. Destinato, dunque, ad un grande successo.Un bluff colossale come persona, anche se conosce bene le tecniche di scrittura.
    Aooo SVEGLIATEVI!!!

  9. Elfo 2 agosto 2010 at 16:23

    Svegliati tu. Qui si parla di libri e non di lui come persona. Nei confronti di Liblog è stato gentilissimo, quindi da qui non arriverà mai una parola storta a livello personale. Io giudico il talento e ne ha da vendere. Che poi sia anche simpatico (per la mia esperienza lo è, ma io lo conosco solamente attraverso le sue pagine) è un optional. Se hai qualcosa da chiarire con lui, visto che lo conosci, fallo privatamente, non serve che tu vada a sparlarne in rete.

  10. Elfo 2 agosto 2010 at 18:23

    Svegliati tu. Qui si parla di libri e non di lui come persona. Nei confronti di Liblog è stato gentilissimo, quindi da qui non arriverà mai una parola storta a livello personale. Io giudico il talento e ne ha da vendere. Che poi sia anche simpatico (per la mia esperienza lo è, ma io lo conosco solamente attraverso le sue pagine) è un optional. Se hai qualcosa da chiarire con lui, visto che lo conosci, fallo privatamente, non serve che tu vada a sparlarne in rete.