La mente del gatto, Fogle

La mente del gatto – Bruce FogleDato il nuovo, recentissimo arrivato nella mia famiglia, ho ritenuto doveroso leggere qualcosa che mi insegnasse a comprendere i comportamenti, gli istinti o anche solo le caratteristiche fisiologiche del felino in questione; su consiglio di un’amica ho quindi letto La mente del gatto di Bruce Fogle.

Come per la maggior parte dei manuali di etologia, veterinaria o semplice curiosità sugli animali, è un libro scritto da un vero appassionato della specie; ma almeno l’autore ammette candidamente sin dal principio che è influenzato dall’amore per i gatti e che non seguirà il rigore autoimposto di alcuni colleghi.

Anzi, ne fa il punto di partenza del saggio, che si presenta quindi non perfettamente scientifico, nella sua forma, quanto piuttosto sentimentale, con esempi che fanno parte del bagaglio di esperienze personali di Fogle. Questo non gli impedisce, però, di scrivere un trattato ricco di notizie scientifiche di rilievo e corredato da un grande lavoro di ricerca.

Anzi, gli consente il superamento della meccanicistica visione Pavloviana, presupposto che chiarisce fin da subito: non è detto che il cane salivi per semplice riflesso; ipotesi molto più plausibile è che abbia acquisito una conoscenza. Così è anche per il gatto, animale dall’intelligenza altrettanto sensibile.

Dopo una prima parte di approfondimento della genetica, della fisiologia, dell’anatomia e della comunicazione felina, arriva la parte psicologica vera e propria, in cui si analizza l’apprendimento, il comportamento predatorio, le differenze di comportamento tra una razza e l’altra e, infine, i problemi più comuni.

Tra la prima e la seconda parte scopriamo quindi il motivo del “riflesso di raddrizzamento”, ovvero per quale motivo il gatto “atterra sempre sulle zampe”; o anche il motivo per cui il gatto fissa imperturbabile un oggetto, un punto, un altro gatto: è un processo di comunicazione o apprendimento. La scrittura semplice e i molti esempi permettono di capire alla perfezione anche i passaggi più tecnici.

Il manuale risulta tanto più indispensabile se si possiede anche un cane, perché analizza anche le differenze sociali, espressive, comportamentali e psicologiche dei due animali domestici più diffusi al mondo, aiutando la comprensione di entrambi e ponendo le basi per una pacifica coesistenza.

Da leggere quando ci si accinge a introdurre un felino nella propria famiglia, ma anche solo per scoprire cosa si cela dietro lo sguardo attento di un micio.

Share Button

About author

MrsBubba

Da vicino nessuno è normale. Neppure io. Editor, community manager, social qualcosa. Soprattutto lettrice. Parole, musica, cibo, tech, gatti e canetti. Gamer before it was cool. Sempre con la valigia, di città in città, di vita in vita, di storia in storia. Sono come sono, cerco di cambiare. Non son più quella di una volta. Scrivo per ricordare, ma poi mi scordo lo stesso.

Related Articles

2 Comments

  1. izzy 3 agosto 2009 at 16:15

    Algernon assomiglia anche al mio Devilmaio :)
    ***
    Non so, ma mi stanno antipatici i manuali sugli animali. Scommetto che dicono anche cose interessanti, ma trovo poco cortese analizzare un amico come se fosse un genere o un fenomeno scientifico.
    Alla fin fine sono sempre solo speculazioni, teorie quasi sempre indimostrabili, masturbazioni mentali. Io ho le mie, mi sta stretto leggere quelle degli altri. E poi, trovo più divertente riuscire ad entrare nella testa di un animale da solo, semplicemente vivendici accanto. Farlo con un manuale, si rischia di perdere il contatto necessario per camprendere davvero l’animale, basando tutto quello che si vede sul “sentito dire”.

  2. izzy 3 agosto 2009 at 18:15

    Algernon assomiglia anche al mio Devilmaio :)
    ***
    Non so, ma mi stanno antipatici i manuali sugli animali. Scommetto che dicono anche cose interessanti, ma trovo poco cortese analizzare un amico come se fosse un genere o un fenomeno scientifico.
    Alla fin fine sono sempre solo speculazioni, teorie quasi sempre indimostrabili, masturbazioni mentali. Io ho le mie, mi sta stretto leggere quelle degli altri. E poi, trovo più divertente riuscire ad entrare nella testa di un animale da solo, semplicemente vivendici accanto. Farlo con un manuale, si rischia di perdere il contatto necessario per camprendere davvero l’animale, basando tutto quello che si vede sul “sentito dire”.